• Vittoria Tomasi

Sciare sul Civetta - Da Zoldo a Selva di Cadore

Aggiornamento: 12 set 2020

Alla scoperta del più grande comprensorio Dolomiti SuperSki del Veneto



Se siete amanti dei comprensori ampi e panoramici, nel vostro curriculum di sciatore non potrà certo mancare la skiarea del Civetta, considerata il più grande comprensorio sciistico del Veneto grazie ai suoi 80 km di piste collegate sci ai piedi.


Il paese più famoso per accedervi è la bella Alleghe, che vanta anche un suggestivo lago e un palaghiaccio, ma per un week-end più low-cost o semplicemente per comodità potete scegliere anche i diversi paesi circostanti: Selva di Cadore, Palafavera e Zoldo.


SCOPRI IL COMPRENSORIO DEL CIVETTA CON I TUOI OCCHI


Il nostro skitour partirà proprio da quest’ultimo, in particolare dalla cabinovia Pian del Crep, per esplorare l’intero comprensorio e le sue divertenti piste, adatte a tutta la famiglia.

Se volete scaldare i motori in grande stile, soprattutto se siete arrivati in pista ad apertura impianti, vi consiglio di concedervi una discesa lungo la pista Foppe, una delle nere più importanti della Val Zoldana che vi regalerà quasi 1,5 km di adrenalina con punti ripidi e due lunghi curvoni da fare tutti in un fiato.

In alternativa, è molto divertente anche la variante rossa Cristelin ed entrambe queste piste restano aperte anche per lo sci notturno, praticabile diverse sere a settimana (nel caso non ne abbiate mai abbastanza!).



Una volta risaliti per la Pian Del Crep, iniziamo il nostro tour in direzione Alleghe, affrontando una piacevole ‘passeggiata’ tra ampie piste blu e rosse (troveremo un po’ di fila solo alla seggiovia di Palafavera, ma non spaventatevi, scorre abbastanza in fretta), accompagnati dall’immancabile scorcio del Monte Pelmo, che ci accompagnerà per tutta la giornata.

Imperdibile la pista di rientro al paese, e la sua variante Rue De Porta, due rosse dinamiche che ci regalano una incredibile vista lago, la stessa che avremo salendo sulla cabinovia che ci porterà fino ai Piani di Pezzè. Sono questi il centro nevralgico del comprensorio, con una ricca concentrazione di rifugi, noleggi sci e divertenti aperitivi.



Per completare il nostro tour però continuiamo a salire, fino a Col Dei Baldi, per poi dirigerci verso Cima Fertazza, punto più alto del comprensorio che ci regala una splendida vista sul Civetta. Da qui si può scendere verso Selva di Cadore affrontando lunghe e divertenti piste rosse, prima di girare gli sci verso la nostra stazione di partenza.


Qui, prima di una ristorante pausa merenda/aperitivo in baita, ci regaliamo un’ultima discesa adrenalinica lungo la pista Foppe, l'ideale per chiudere al meglio una giornata di sci.

33 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti