top of page
  • Immagine del redattoreVittoria Tomasi

Val di Rabbi: passeggiata da brividi sul Ponte Sospeso più famoso del Trentino


Hai mai camminato su un ponte sospeso?

Se stai cercando un’esperienza adrenalinica da fare in Trentino, in Val di Rabbi troverai un ponte tibetano da brividi che ti permette di camminare per oltre 100 metri sospeso a 60 metri di altezza, proprio accanto a una cascata!


Per raggiungere il ponte sospeso della Val di Rabbi ti basterà percorrere un breve sentiero che, in circa 20/25 minuti ti porta fino alla Cascata Ragaiolo e all’inizio del ponte.

Una volta attraversato, potrai scegliere se tornare indietro oppure proseguire verso Malga Stablasolo e le Cascate di Saent.


In questo articolo ti spiegherò dove parcheggiare, come arrivare al ponte tibetano della Val di Rabbi e le indicazioni per il percorso trekking.


Ecco cosa trovi in questo articolo:


PONTE SOSPESO VAL DI RABBI: come arrivare


PONTE SOSPESO VAL DI RABBI: come arrivare



Il sentiero più breve per raggiungere il ponte sospeso della Val di Rabbi parte da Rabbi Fonti, proprio accanto all’area sosta camper Al Plan.

Qui di fronte troverai un parcheggio di medie dimensioni e sul navigatore ti basterà puntare Centro Fondo Plan.


Una volta lasciata la macchina, ti basterà attraversare la strada e proseguire dritto, per poi girare a destra prima del torrente, seguendo le indicazioni per Cascata Ragaiolo – Ponte Sospeso.






PONTE SOSPESO VAL DI RABBI: il percorso trekking



Il percorso trekking per arrivare al ponte sospeso della Val di Rabbi è abbastanza semplice e inizia con un primo tratto sterrato e pianeggiante che fiancheggia il torrente.

Dopo qualche minuto di cammino, incontrerai un grande ponte in legno e, una volta attraversato, si prosegue in mezzo al bosco, circondati dai panorami della Val di Rabbi.



Dopo una decina di minuti di cammino ti ritroverai di fronte a un affaccio sulla cascata Ragaiolo ma, per poterla ammirare dall’alto, sarà necessario seguire le indicazioni per il ponte sospeso.



Per raggiungerlo infatti c’è un breve giro ad anello ma, vista l’affluenza dell’alta stagione, è stato istituito un senso unico di marcia, quindi presta molta attenzione ai cartelli!



Da qui la pendenza del percorso cambia radicalmente e dovrai affrontare una bella salita con alcune gradinate in legno, ma ti assicuro che ne varrà la pena!


A circa metà percorso potrai ammirare la cascata e il ponte tibetano dal basso, ma nulla ti preparerà al suo attraversamento!


VAL DI RABBI: Attraversare il ponte sospeso



Il ponte sospeso è lungo 100 metri e permette di fare una passeggiata nel vuoto, a 60 metri di altezza.


Noi abbiamo avuto la fortuna di poterlo visitare in bassa stagione, quindi ci siamo goduti completamente da soli la nostra passeggiata “da brividi” e posso assicurarti che il panorama che si può godere da lassù è meraviglioso.



Oltre a una vista privilegiata sulla Cascata Ragaiolo, si può ammirare l’immensità della Val di Rabbi e, abbassando lo sguardo, il torrente scorreva sotto i nostri piedi!


ATTENZIONE: il ponte è dotato di protezioni laterali, ma oscilla un po’! Quindi non è molto indicato se soffri di vertigini.


PONTE SOSPESO VAL DI RABBI: il rientro


Una volta attraversato il ponte, il sentiero ad anello prosegue in discesa in mezzo al bosco, fino a ricongiungersi alla deviazione iniziale.

Da qui basterà seguire nuovamente il percorso fino al Centro Fondo Plan o, in alternativa, si può proseguire verso Malga Stablasolo per raggiungere le bellissime Cascate di Saent.



PONTE SOSPESO VAL DI RABBI: consigli utili


Questo percorso trekking ti ha incuriosito?

Ecco qualche consiglio utile per visitare il ponte sospeso della Val di Rabbi:


1. Indossa scarpe da trekking. Sono fondamentali soprattutto per la seconda parte del sentiero e in certi tratti che, dopo una giornata di pioggia, potrebbero risultare scivolosi.

2. Portati una borraccia e degli snack. Il percorso è breve ma non troverai nessun punto di ristoro lungo il sentiero, quindi meglio partire preparato con qualche snack. A metà sentiero però troverai una fontana d’acqua potabile ( il gusto è ferruginoso quindi meglio avere la propria acqua ).

3. No a passeggini o ad amici a quattro zampe. Il sentiero non consente il passaggio di passeggini, ma le protezioni del ponte sono alte, quindi è adatto anche ai bambini. Evita invece di portare gli amici a quattro zampe: potrebbero avere qualche difficoltà nell’attraversamento del ponte.

4. Cerca di arrivare alla mattina presto. Se vuoi avere il ponte tutto per te, soprattutto nella bella stagione, ti consiglio di evitare gli orari di punta. Si tratta di una meta abbastanza famosa e frequentata!

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo con tutti i tuoi amici per organizzare insieme un'avventura da ricordare!

Per scoprire altri itinerari iscriviti al mio BLOG e al mio CANALE YOUTUBE

2.815 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page